Weekend a Berlino Cosa Vedere

3

In un weekend a Berlino cosa vedere? Scoprilo leggendo oltre, Buona Lettura!

 

Berlino, capitale tedesca dalle molteplici facce ma da un’ anima giovane e di rinnovamento!

Berlino dal punto di vista storico ha svolto un ruolo chiave in Europa e nel mondo nel secolo scorso, oggi è una metropoli multiculturale, giovane e vibrante!

Mi ha sorpreso come la città abbia tante facce diverse, ma non contrastanti, che convivono e rendono Berlino una delle capitali europee più accattivanti.

Ma concentriamoci su cosa vedere a Berlino!

Per visitare la città ho creato un mio itinerario di Berlino, in considerazione del meteo e del tempo a disposizione, visto che ho avuto la brillante idea di passarci un weekend ad Ottobre!

Devo ammettere che il mio weekend è stato piuttosto lungo, ben quattro giorni, che mi hanno dato la possibilità di fare “una gita fuori porta” e più precisamente a Potsdam, ma di questo ne parlerò un’altra volta!

 

Come arrivare dall’aeroporto Schonefeld Berlino al centro?

 

Appena scesa all’aeroporto di Schonefeld mi sono diretta al centro informazioni turistiche per ottenere una mappa della metro della capitale tedesca.

Per arrivare a Berlino dall’aeroporto Schonefeld basta seguire le indicazioni per la U9, uscendo dall’aeroporto girare a sinistra e poi andare dritto fino alla stazione.

I biglietti sono acquistabili al centro di informazione turistica allo stesso prezzo della biglietteria automatica e costa € 3.30, se lo fate da soli ricordate che deve essere zona A – B – C.

Il mio consiglio è di acquistare il biglietto direttamente all’ aeroporto, al centro di informazione turistica perché alle biglietterie automatiche ci sono molti zingari pronti ad accerchiarvi per qualche moneta, ma che mettono molto a disagio!

Una volta presa la U9 scendere alla fermata Osbuk e poi proseguire con la linea S7 fino ad Alexander Platz.

 

Dove alloggiare a Berlino?

 

Per me trovare un alloggio in città è stato un po’ difficile poiché ho prenotato il mio weekend a Berlino con due settimane di anticipo, e questo, ovviamente, ha ristretto la ricerca, per saperne di più leggete della mia esperienza sul come dormire a Berlino spendendo poco.

Ma torniamo a noi sul mio weekend a Berlino cosa vedere in pochi giorni.

Itinerario Berlino 3 giorni, giorno 1:

 

AlexanderPlatz – Municipio Rosso – Quartiere Nikolai – Nikolaikirche – Duomo di Berlino – Unter den Linden – Memoriale Vittime Guerra e Violenza – Porta di Brandeburgo

 

Alexanderplatz Berlino Est

AlexanderPlatz Berlino Est

Appena arrivata a Berlino dopo aver effettuato il check in in hotel mi sono diretta ad Alexander Platz, dal mio hotel era abbastanza vicino, in meno di 20 minuti di passeggiata ci sono arrivata tranquillamente!

Il mio arrivo a Berlino è stato di Domenica, e aimè, la Domenica a Berlino è tutto chiuso, o quasi.

AlexanderPlatz nelle prime ore del pomeriggio era piena di ragazzini alternativi, ma intorno vi era il vuoto.

Alexander Platz prende il nome dallo Zar russo Alexander I in visita a Berlino nel 1805. Durante gli anni della guerra fredda apparteneva a Berlino Est ed è stata ricostruita dopo i bombardamenti della seconda guerra mondiale in modo molto sistematico e freddo, tipico delle costruzioni sovietiche.

Ciò nonostante dopo la riunificazione della Germania è diventata la piazza più frequentata della città, punto di ritrovo per i giovani nonché importante snodo delle linee metropolitane che collegano la capitale tedesca.

 

La sera AlexanderPlatz resta molto viva, con molti locali fast food aperti, come il currywrust Express o il kebab, ma anche la birreria all’interno della stazione, birra eccellente ed ottimo metodo per combattere il freddo, che anche ad Ottobre è davvero incredibile!

 

Rotes Rathaus Municipio Rosso Berlino

Rotes Rathaus Berlino

 

Da Alexander Platz ho proseguito verso il Municipio Rosso di Berlino, noto per il suo colore che spicca in un quartiere prevalentemente grigio.

 

Torre della Televisione Berlino

Torre della Televisione Berlino

Alle spalle del Rotes Rathaus vi è la torre della televisione che è aperta al pubblico e che offre una visione fantastica della città. Una delle cose sorprendenti di questa torre è la croce che i raggi del sole formano sulla sfera di metallo.

Per salire sulla torre della televisione di Berlino il prezzo è di € 13.50.

Proseguendo dal Rotes Rathaus, seguendo il mio itinerario di Berlino che ho nominato cose da vedere in un weekend a Berlino mi hanno portato nel quartiere Nikolai, ci sono arrivata da un piccolo arco, come se fosse stata un’entrata privata, ma in realtà era l’accesso a uno dei quartieri più belli di Berlino.

 

Quartiere Nikolai Berlino

 

Ci si può fermare nel quartiere Nikolai per una birra fresca o un caffe o semplicemente per visitare la chiesa di San Nicola, conosciuta anche come Nikolaikirche.

 

Chiesa San Nicola Berlino NikolaikircheNIkolaikirche Berlino

L’ingresso alla Chiesa Nikolai di Berlino ha un costo di entrata pari a € 8 e da ciò che si può vedere dalle porte interne di vetro, non penso valga il costo del biglietto e per questo motivo non sono entrata.

La Chiesa di San Nicola di Berlino è la chiesa più antica di Berlino, costruita tra il 1220 e il 1230, originariamente chiesa cattolica ma successivamente alla riforma protestante è diventata una chiesa luterana.

Durante la Seconda Guerra Mondiale la chiesa fu danneggiata dai bombardamenti, e un violente incendio ne distrusse le due torri. Dopo la riunificazione della Germania venne ricostruita sui progetti e piani originali, ed oggi è un museo e vanta ben 41 campane.

 

Cattedrale di Berlino

Cattedrale di Berlino

Passeggiando per il quartiere Nikolai sono arrivata sul fiume Sprea, e da qui è ben visibile il Duomo di Berlino o la Cattedrale.

In effetti è davvero molto vicina, pochi metri ed ecco che appare in tutta la sua bellezza la Cattedrale di Berlino di religione Anglicana.

Il Duomo di Berlino ha una storia tormentata, dopo la sua prima costruzione nel 1700 in stile neo classico fu abbattuta per volontà dell’imperatore Guglielmo II che aveva in mente una Cattedrale in stile neobarocco, esattamente quello che possiamo ammirare oggi.

Durante il secondo conflitto mondiale il Duomo subì dei danni devastanti dovuti ai bombardamenti che diedero vita ad un violento incendio che distrusse la cupola, ricostruita nel dopoguerra con molta più sobrietà.

 

Il Duomo di Berlino orari:

 

  • la cattedrale è aperta dal Lunedì al sabato dalle 09am alle 8pm
  • la domenica e festivi dalle 12 alle 8pm

 

Costi di entrata al Duomo di Berlino:

 

  • Adulti € 7
  • Ridotto € 5

 

Unter den Linden Berlino

Dall’ isola dei musei dove si trova il Duomo di Berlino decido di proseguire per la famosa strada Unter den Linden, che prende nome dagli alberi che accompagnano il viale, i tigli, che in tedesco di chiamano cosi.

Durante questa piacevolissima passeggiata noterete eleganti palazzi, come quelli dell’ università, e passerete davanti a Monumenti importanti per la città e l’intera Germania.

Uno di questi monumenti è quello delle vittime della guerra e della violenza.

 

Neue Wache Monumento vittime della guerra e della violenza

Originariamente doveva essere la sede della guardia reale voluta da Federico Guglielmo III di Prussia. Il monumento ricorda per molti versi i nostri monumenti dedicati al milite ignoto e la statua al suo interno rappresenta una madre con il figlio tra le braccia.

Al termine di questa passeggiata, che per me è stata molto piacevole, sono arrivata alla Porta di Brandeburgo.

 

Porta di Brandeburgo Berlino

Porta di Brandeburgo Berlino

La Porta di Brandeburgo è il simbolo più rappresentativo della città di Berlino, se non dell’ intera Germania.

Non puoi visitare Berlino e non vedere la Porta di Brandeburgo anche se devo essere onesta e riconoscere che non è qualcosa che impressiona!

Ma veniamo a qualche noiosa nozione storica, che comunque penso che sia di aiuto a comprendere meglio la città che siamo visitando!

La Porta di Brandeburgo è stata costruita tra il 1788 e il 1791 anno in cui fu inaugurata e rispecchia uno stile dorico-romano riveduto. La Porta di Brandeburgo è larga 65 metri e alta 26 e durante la guerra fredda la porta si trovava a Berlino Est!

 

Weekend a Berlino Cosa Vedere Giorno 2

 

Parlamento Reichstag – Memoriale Rom – Memoriale Olocausto – Monumento di Pergamo

 

Il secondo giorno del mio weekend a Berlino nonostante il freddo, ho deciso di uscire presto e fare colazione nel quartiere dell’ Hotel vicino alla fermata della metro Rosenthaler Platz in una pasticceria dove parlavano solo tedesco!

Nonostante la macchina del caffe che non sembrava molto professionale, il cappuccino era buono e le brioche calde una delizia!

 

Parlamento Berlino Reichstag

Parlamento Berlino

Da qui la direzione verso il Parlamento meglio conosciuto come Reichstag, ma come arrivare con la metro?

La fermata della metro di Berlino più vicina al Parlamento è Bundestag.

Penso che sia importante fare una distinzione importante, quando si parla di Reichstag si parla del palazzo che ospita il parlamento tedesco, ma se ci riferiamo al Parlamento il suo nome è Bundestag.

Il Reichstag come parlamento fu distrutto durante il regime nazista, dal 1999 il Parlamento (Bundestag) sposto la sua sede all’interno del palazzo.

Una delle cose che lo hanno reso una vera e propria attrazione turistica è la cupola trasparente che offre una vista a 360 gradi sulla città, ma non bisogna dimenticare ciò che essa rappresenta, grazie alla possibilità di guardare all’interno essa rappresenta un monito per chi esercita il potere e un esempio importante per la democrazia.

Dal Parlamento di Berlino proseguendo verso la Porta di Brandeburgo, a pochi passi vi si trova il Memoriale per gli ebrei assassinati in Europa.

Memoriale dell’Olocausto

Memoriale per gli ebrei assassinati d' Europa

 

Questo monumento è composto da 2711 stele ed è stato completato ed aperto al pubblico nel 2005.

La sensazione che ho avuto nel visitarlo, e quindi percorrendolo, è di una solitudine e angoscia che non bastano i raggi di un tiepido sole di Ottobre a spezzare l’amarezza e lo smarrimento.

Mi lascio il memoriale alle spalle, ed è il momento di cercare un po’ di cibo!!

Dopo aver “pranzato” con cioccolata e stuzzichini vari decido di tornare all’isola dei musei (ci ero già passata il giorno precedente) e posso dire che le cose imperdibili di Berlino possono essere tranquillamente visitate a piedi, non certamente con tacco 12 ma con un paio di scarpe comode e un po’ di volontà è piacevole!

Tra i diversi Musei, chi più chi meno interessante penso che una visita al Museo del Pergamo di Berlino sia davvero qualcosa a cui nessuno dovrebbe rinunciare.

Non ritengo tutte le opere esposte particolarmente interessanti, ma ve ne sono diverse di inestimabile valore storico e umano che davvero non potete perdervi.

Per quanto mi riguarda ho visitato tutto il museo, anche se uno dei capolavori non e’ stato possibile visitarlo in quanto in restauro, ma ne e’ comunque valsa la pena!

Il Museo Pergamon di Berlino

 

Come arrivare al Museo di Pergamo a Berlino?

 

Se volete raggiungere il museo con la metropolitana basta prendere la U6 e scendere alla fermata “Fredrichstrasse”.

 

Museo di Pergamo Orari:

 

Gli orari del Pergamon Museum sono:

Lunedì – Venerdì dalle 10:00 alle 18:00.

 

Io ho avuto la “brillante idea” di non prenotare in anticipo, e in realtà me ne sono pentita tantissimo, la fila per entrare era lunghissima, e facevano passare soltanto un numero limitato ogni 15 minuti, il meteo anche ha fatto del suo iniziando a piovere a dirotto per cui l’attesa è stata davvero massacrante, in tutto un’ora e mezza!

 

Museo di Pergamo Prezzi:

 

  • Adulti € 12,00
  • Ridotto € 6,00

 

Se decidete di visitare i Musei dell’Isola dei Musei potete acquistare un unico biglietto al costo di € 18,00.

 

Come accennavo in precedenza uno dei motivi per i quali ho deciso di visitare il museo di Pergamo sono delle esposizioni importanti, un vero e proprio tesoro tra cui:

 

  • L’ Altare di Pergamo (che fino al 2019 resterà chiuso per restauro)

 

  • La Porta di Ishtar conosciuta anche come Porta di Babilonia

 

  • La Porta del Mercato di Mileto

 

  • E l’esibizione dell’ Arte e Cultura Islamica che anch’essa è molto interessante

 

Sono rimasta davvero affascinata sia dalla Porta di babilonia che la Porta di Mileto!

Per visitare in tranquillità il Museo di Pergamo vi servono almeno 3 ore dall’entrata!

Dopo il pomeriggio trascorso al Pergamon Museum di Berlino decido che è il caso di una cena e una bella birra tedesca e a nanna, la giornata è stata dura, ed è ora di ritirarsi in Hotel anche perché la temperatura è cambiata e faceva un freddo insopportabile!

 

 

Itinerario Berlino Cosa Vedere Giorno 3

 

East Side Gallery – Check Point Charlie – Potsdamer Platz – Sony Centre – Kaiser Wilhelm Chiesa Memoriale – Castello di Charlottenburg

 

Non potevo andare via da Berlino senza aver visitato East Side Gallery, era un must tra le cose da vedere a Berlino!

 

East Side Gallery a Berlino Come Arrivare e Quale Metro Prendere?

 

Prima di tutto voglio dirvi che il percorso migliore, secondo me, è quello che parte dalla fermata della metro Warschauer Straße e da qui attraversare il ponte che vi porterà direttamente alla parte del muro di Berlino chiamata East Side Gallery.

Da qui proseguire lungo tutto il restante Muro fino alla fermata della metro di Ostbahnhof.

 

East Side Gallery di Berlino

East Side Gallery Berlino

La East Side Gallery di Berlino è la parte del muro di Berlino che è rimasta esattamente dove si trovava prima del 1989, nonostante i 106 graffiti che rallegrano in qualche modo la vista, non bisogna dimenticare che si tratta di un muro che ha segnato non solo una città, ma un Paese e prima di tutto delle famiglie, amici, un popolo che venne diviso e privato della propria libertà.

Oggi questa parte del muro è un memoriale internazionale che vuole rappresentare la libertà.

 

I graffiti che si trovano sulla East Side Gallery furono dipinti tra il 1990 e il 1992, i più belli e famosi si trovano nella parte esterna, ovvero sulla strada.

 

Check Point Charlie Berlino

Checkpoint Charlie Berlino

Il Check Point Charlie di Berlino è una delle attrazioni turistiche più gettonate di Berlino, esattamente si tratta un posto di blocco in disuso tra Germania Est e Germania Ovest dove, durante la guerra fredda, potevano passare i militari, i diplomatici e i cittadini stranieri.

 

Anche se oggi ci si affanna tanto ad una foto ricordo o addirittura ci si fa mettere il timbro sul passaporto, lo trovo un luogo triste, e una delle tante pagine vergognose della storia.

A pochi passi dal Check Point Charlie se guardate la pavimentazione potete notare che vi è una linea di mattoncini che attraversa la strada, li esattamente si trovava il muro di Belino, oggi ricordato così.

 

 

Potsdamer Platz

Potsdamer Platz Berlino

Potsdamer Plaz e il quartiere Tiergarten che circonda la piazza principale è forse il quartiere che più mi è piaciuto di Berlino.

Un quartiere pieno di costruzioni nuove e dall’ architettura a tratti bizzarra, ma allo stesso tempo elegante e brulicante di vita, anche la sera, dove gli altri quartieri in pratica si spegnevano..

Il quartiere ha avuto una storia travagliata, fu raso al suolo dalla II Guerra Mondiale, assistette alla triste devastazione della guerra fredda e la costruzione del Muro di Berlino, ma è stato anche un quartiere che letteralmente “è risorto dalle sue ceneri” dopo la riunificazione della Germania, e forse davvero si può dire che è il simbolo della “Nuova Berlino”.

 

 

A Potsdamer Platz ci sono passata in pratica tutti i giorni della mia “breve vacanza a Berlino”, per una colazione superlativa da Caffe & Gelato all’interno del centro commerciale “Arkaden” ma anche per un gelato pomeridiano davvero molto buono, anche i ristoranti della zona sono molto carini e ovviamente perché a Potsdamer Platz si trova il Sony Centre!

Non potevo non approfittarne per fare compere, ho trovato prezzi competitivi e ottima qualità!

 

Sony Centre

 

Il Sony Centre di Berlino, vicinissimo a Potsdamer Platz, è impressionante se visitato nel tardo pomeriggio e quando si accendono le luci da il meglio di se, ovviamente non si trova soltanto la Sony, ma molti negozi e caffetterie, ma anche ristoranti dove concedersi una cena elegante!

Sicuramente una delle cose assolutamente da vedere a Berlino!

 

Kaiser Wilhelm Memorial Church

 

La chiesa Kaiser Wilhelm è una chiesa memoriale della pace e della conciliazione che si trova nel quartiere Charlottenburg, la particolarità è data dalla mancanza della parte superiore della chiesa, mozzata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e non ricostruita, ma lasciata cosi, per mantenere la memoria di ciò che è stato.

 

Castello di Charlottenburg

Charlottenburg Berlino Castello

Il Castello di Charlottenburg di Berlino si trova nel quartiere Charlottenburg che ha preso il nome da questo palazzo, unico rimasto illeso dal secondo conflitto mondiale. Il castello di Charlottenburg è stato voluto da Sophie Charlotte moglie di Federico III di Brandeburgo che alla sua morte diede il nome della moglie al castello.

Come arrivare al Castello di Charlottenburg di Berlino?

Per arrivare al Castello di Charlottenburg bisogna prendere la linea U2 e scendere alla fermata Sophie-Charlotte e seguire le indicazioni, si trova a meno di 10 minuti a piedi dalla metro, il costo del biglietto è di 17 Euro.

Forse un po’ sopravvalutato, nonostante sia molto carino, soprattutto l’ esposizione delle ceramiche, devo ammettere che non è un castello particolarmente bello se confrontato ad altri castelli tedeschi.

 

Berlino è molto di più di tutti i monumenti, musei e chiese, è una città vibrante e moderna, in evoluzione e piena di vita ma che non rinuncia ad eleganza e carattere, una città diversa da quella che viene spesso pubblicizzata.

A me è piaciuta tantissimo, e son partita con un’idea molto diversa di ciò che poi effettivamente si è rivelata!

 

Le cose da fare sono sicuramente molte di più di quelle elencate e che ho scelto nel mio itinerario, avrei voluto visitare ad esempio il museo DDR o lo Zoo di Berlino, ma per motivi di meteo e di troppo poco tempo nel mio weekend a Berlino le cose da vedere son tutte qui!

 

 

 

Share.

About Author

Maria Mazzeo è fondatrice ed editrice di Viaggiare Cosi il sito di viaggi. Artista e fotografa freelance basata tra Roma, Londra, Barcellona. Una donna ambiziosa che ha creato dal nulla il blog Viaggiare Cosi per documentare in maniera personale e professionale i propri viaggi, in modo informale e soprattutto onesto. Ha visitato hotel lussuosi ma anche ostelli in viaggi indipendenti in Europa tra cui Francia, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Germania, Austria, Grecia e costantemente impegnata ad organizzare la prossima avventura!

3 commenti

  1. Ciao, mi piace questa presentazione della città, partirò per un weekend a Berlino la prossima settimana, mi ricorderò di questo itinerario! Grazie, e continua a scrivere dei tuoi viaggi!

  2. Per chi desidera trascorre un weekend a Berlino, magari in occasione di un ponte, come quelli frequenti intorno a Capodanno, al 25 Aprile o al 1° Maggio, vi suggeriamo un possibile itinerario che vi portera alla scoperta della magnifica capitale tedesca.

Leave A Reply

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com