Weekend a Parigi Cosa Vedere

0

Weekend a Parigi cosa vedere? Leggi oltre e lo scoprirai!

Chi non ha sognato almeno una volta nella vita un weekend romantico a Parigi? Io sono una di quelle che lo ha sognato per una vita, e che non ci ha messo poi tanto per realizzare questo sogno, cosi per la prima volta ho deciso di visitare Parigi a Marzo.

Il mio viaggio inizia da Londra, da qui per arrivare a Parigi comodamente basta prendere il treno Eurostar Londra – Parigi che in due ore collega le due capitali europee.

Se state programmando un weekend a Parigi mettete in agenda un giorno importante: la prima domenica di ogni mese, l’entrata ai musei è gratuita!

Il primo approccio con la città non fu dei migliori, nonostante adori Parigi devo ammettere che in quanto a pulizia e sicurezza scarseggiano un pochino..

Parigi, la città festa come la racconta Hemingway dove “viene voglia di mangiare, bere, scrivere e fare all’amore”, insomma di vivere, non ha deluso le mie aspettative, ed è una tra le poche città dove ci torno ogni volta che posso!

 

La Parigi più conosciuta sicuramente è quella più turistica, e per certi versi è inevitabile visti i tesori che raccoglie.

L’hotel dove ho soggiornato è l’Holiday Inn Opera’, fantastico anche se un po’ caro, ma da qui ho potuto girare a piedi tutta la città.

In molti al ritorno dal mio viaggio mi hanno chiesto: Cosa vedere a Parigi?

La risposta per tutti i miei amici e non la sintetizzo in questo articolo!

Ovviamente la risposta è soggettiva, vi racconterò quella che è stata la mia esperienza quello che consiglio di vedere a Parigi e quello che non rifarei!

Cattedrale di Notre Dame Parigi

Cattedrale Notre Dome di Parigi

La prima cosa che ho visitato è stata la cattedrale di Notre Dame, un luogo particolare quanto familiare, grazie alla famosissima opera di Victor Hugo, Notre Dame de Paris, e i film e musical che ad esso si sono ispirati.

La cattedrale di Notre Dame sorge su quello che era un tempio pagano di epoca romana dedicato a Giove. Nel IV secolo DC venne convertito in luogo di culto cristiano e dopo diversi cambiamenti intorno al 1160 venne avviato il progetto di una Cattedrale cosi come la vediamo oggi.

E’ uno dei luoghi più importanti di tutta la Francia fin dalla sua costruzione, è stato luogo di eventi importanti come il matrimonio tra Maria Stuarda e il Delfino di Francia Francesco di Valois.

L’architettura, immagino tutti lo sappiate, è gotica, e ho trovato affascinanti i tre portali frontali e la “Galleria dei Re” al di sopra di essi.

L’interno è davvero molto bello, vi consiglio di visitarla, ne vale la pena!

Notre Dame si trova ad Est della Ile de la Cite’, la fermata della metro più vicina è Cite’, ma anche Saint Michel è molto vicina.

Alle spalle della Cattedrale vi si trova il Palazzo di Giustizia, anch’esso ricco di storia. Io personalmente non l’ho visitato, dovendo scegliere ho preferito altro!

Ci sono tantissime cose da vedere a Parigi ed è inevitabile la scelta!

 

Museo del Louvre

Louvre Parigi

Come arrivare al Louvre? Con la metro basta prendere la Linea 1 e scendere alla fermata Musee du Louvre.

Orari apertura Museo del Louvre:

  • Lunedì dalle 09:00 alle 18:00
  • Martedì Chiuso
  • Mercoledì dalle 9:00 alle 19:45
  • Giovedì dalle 09:00 alle 18:00
  • Venerdì dalle 9:00 alle 19:45
  • Sabato dalle 09:00 alle 18:00
  • Domenica dalle 09:00 alle 18:00

Il costo d’ingresso per il museo del Louvre è di 15€, ma se decidete di visitare Parigi la prima domenica del mese l’entrata è gratuita.

Visitare questo museo in poche ore è davvero impossibile, quindi equipaggiatevi adeguatamente e state attenti ai borseggiatori, Parigi ne è piena, esperienza personale!!

Fatevi un piano o itinerario, e decidete prima cosa vedere al museo del Louvre, e se pensate che Monna Lisa sia la priorità aspettatevi la delusione di una coda pazzesca e di vederla da lontano!

Il Louvre nasce come una fortezza nel dodicesimo secolo per volere del Re Filippo Augusto, e venne a lungo usato come palazzo di corte fino a quando non fu costruita la reggia di Versailles, lasciandolo in totale abbandono. Con la Rivoluzione Francese Napoleone I fece riprendere i lavori di ristrutturazione, ma fu Napoleone III a completarlo e nel 1793 venne aperto al pubblico come museo.

Come vi dicevo in precedenza il museo è enorme ed è suddiviso in ben sette dipartimenti:

  • Antichità orientali e Islam
  • Antichità egiziane
  • Antichità greche, etrusche e romane
  • Oggetti d’arte
  • Sculture
  • Pitture
  • Arti grafiche
  • Louvre Medievale

 

Uscendo dal Louvre noterete un Arco, quest’ è l’ Arco di Trionfo du Carrousel, attraversandolo arriverete ai Giardini delle Tuileries voluto da Caterina de’ Medici su modello dei giardini fiorentini nel 1564 e aperto al pubblico come parco nel 1667.

 

Giardini delle Tuileries

 

E’ un’oasi di pace e tranquillità , i suoi viali alberati e la fontana centrale dove sedersi per una breve pausa sono un lusso concesso dopo lunghe ore di cammino.

Procedendo verso l’uscita ci si ritrova in Piazza della Concordia.

 

Piazza della Concordia Parigi

Piazza della Concordia Parigi

Place de la Concorde è la seconda piazza più grande di tutta la Francia con al centro l’obelisco egizio del regno di Ramses III, intorno al quale gira vertiginosamente il traffico della città e si trova esattamente lungo l’Asse Storico di Parigi.

Questa piazza è stata teatro di eventi tragici durante la Rivoluzione, vi furono ghigliottinati, tra tanti, il Re Luigi XVI e sua moglie Maria Antonietta.

Particolare della piazza sono le otto statue che si possono vedere ai suoi angoli rappresentanti le principali città della Francia.

Per gli avventurieri instancabili proseguendo da piazza della concordia in direzione dell’arco di Trionfo vi si attraversano i Campi Elisi.

 

Champs Elysees

Come arrivarci? Se avete problemi con le lunghe passeggiate toglietevi dalla testa una passeggiata da piazza della concordia, “tanto è vicino!”, NON è vicino e arrivereste stremati, come ho fatto io, e con poca voglia di passeggiare!

Per arrivare agli Champs Elysees vi consiglio la metro linea 1 fermate: Champs-Elysees-Clemenceau, Franklin D. Roosevelt, George V o Charles de Gaulle Etoile.

Il nome di questa strada, una delle più famose al mondo, ci riporta alla mitologia greca e il suo significato è terra dei morti.

Fino al 1616 non vi era altro che campi, ma grazie a Maria de’ Medici venne costruito il viale alberato, vennero poi aggiunti eleganti boutique, fino a diventare la meta famosa come lo conosciamo oggi.

Alla fine degli Champs Elysees si trova l’Arco di Trionfo.

Cosa non vedere a Parigi?

Un Consiglio, se non siete a Parigi per fare shopping evitatela come meta, ci sono posti molto più interessanti delle vetrine di negozi super lussuosi, per me questa è uno di quei luoghi nella lista di cose da non fare a Parigi!

 

Arco di Trionfo Parigi

Arco di Trionfo Parigi

Maestoso Arco celebrativo delle battaglie napoleoniche voluto, appunto, da Napoleone Bonaparte si trova al centro della piazza Charles de Gaulle, costruito tra il 1806 e il 1836 ed si può definire una rivisitazione neoclassica degli archi di trionfo dell’impero romano.

Dal 1920, alla sua base venne posta la tomba del Milite Ignoto, ed è tutt’oggi un luogo importante per la Francia.

Non si può però visitare Parigi senza vedere la Torre Eiffel, anche perché è visibile da tutta la città!

 

Torre Eiffel Parigi

Parigi Torre Eiffel

Risulta essere il monumento più visitato di tutta Parigi ed ha una storia tribolata, infatti non fu ben vista dai parigini dell’epoca tanto da doverla destinare a fini utili per ben 20 anni!

Fu costruita per festeggiare il centenario della rivoluzione francese in poco più di 2 anni. Perché si chiama cosi? Perché prende il nome di chi la progettò: l’ingegnere Eiffel.

Dal 1889 ad oggi è stata visitata da più di 250 milioni di persone, è l’ edificio più alto di Parigi, 324m, con ben 1665 scalini che ho avuto la brillante idea di fare a piedi, in discesa ovviamente!

La vista dalla punta più alta è davvero mozzafiato, ne vale la pena!

 

Montmartre

Uno dei quartieri più affascinanti di tutta Parigi, situato a Nord sulla collina che i francesi chiamano Butte, piena di vita, quello stile di vita raccontato da Amelie che mi ha rapito e fatto sognare, il quartiere degli artisti, della belle époque.

Io ho voluto girare a piedi perché penso che sia il quartiere più autentico di Parigi, come rue Lepic (al 54 abito’ Van Gogh) o Piazza du Tertre, ed è quello che consiglio a tutti di fare. Se desiderate soltanto visitare la Basilica del Sacro Cuore vi conviene scendere alla fermata della metro Anvers sulla linea 2 e proseguire o con la funicolare o a piedi su rue Steinkerque.

 

Basilica Sacre-Coeur Parigi

Basilica Sacro Cuore Montmartre Parigi

Questa Basilica eretta il 1876 e voluta dall’arcivescovo Guibert prevedeva uno stile romanico bizantino, che però non venne mantenuto tanto che la basilica non ha uno stile predominante, da notare le due statue che si vedono sopra gli archi del portico sono Giovanna D’Arco e Luigi dei Francesi.

Una curiosità è quella del primato come uno dei monumenti più bianchi del mondo, secondo in Europa dopo il vittoriano di Roma.

Vi consiglio di visitare la basilica al tramonto per poi proseguire per la Piazza du Tertre che la sera e’ davvero molto bella e piena di giovani artisti e locali molto carini.

 

Piazza degli Artisti Parigi

Place Du Tertre Parigi Montmartre

Da qui proseguendo la discesa arriverete davanti il Moulin Rouge!

 

Moulin Rouge Paris

Moulin Rouge Parigi

Bello, bellissimo, un luogo pieno di fascino, anche se parecchio cara l’entrata!

Per assistere ad uno spettacolo al Moulin Rouge il prezzo più basso per un tavolo a persona è di 92 € mentre per tavolo e mezza bottiglia di Champagne è di 102€ a persona.

Vi ringrazio per aver letto questo articolo su weekend a Parigi cosa vedere, con l’immagine romantica del mio quartiere preferito della capitale francese vi saluto, alla prossima avventura!

 

Share.

About Author

Maria Mazzeo è fondatrice ed editrice di Viaggiare Cosi il sito di viaggi. Artista e fotografa freelance basata tra Roma, Londra, Barcellona. Una donna ambiziosa che ha creato dal nulla il blog Viaggiare Cosi per documentare in maniera personale e professionale i propri viaggi, in modo informale e soprattutto onesto. Ha visitato hotel lussuosi ma anche ostelli in viaggi indipendenti in Europa tra cui Francia, Spagna, Portogallo, Regno Unito, Germania, Austria, Grecia e costantemente impegnata ad organizzare la prossima avventura!

Leave A Reply

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com